Pentolaccia di mare o Padellaccia di pesce? Questo piatto unico ha due regole fondamentali: l’abbondanza e la succulenza. Dove assaggiarla?

Questo articolo nasce da una piccola catena di Sant’Antonio. Un giorno un giornalista ligure scrive che un suo amico ( sempre  ligure e di buona forchetta), in viaggio nelle Marche, gli aveva stra-consigliato un Ristorante all’interno di un Campeggio dove ordinare una eccezionale pentolaccia. Mosso da curiosità, anche lui era andato a provarla e ne era rimasto letteralmente entusiasta sia per l’abbondanza che per la bontà. Quando mi è capitato di leggere casualmente il pezzo potevo, da buona forchetta e soprattutto da marchigiana, non andare a testarla a mia volta personalmente?

Mi sono ritrovata così  un sabato di metá settembre, al Ristorante del Camping Pineta di Porto Recanati. La giornata era calda ma c’era un piacevole venticello  ideale per un pranzetto all’aperto, e la bella veranda praticamente sul mare si è rivelata perfetta. Oltretutto spostandomi con la famiglia avevo subito adocchiato l’ampio spazio giochi dietro al ristorante, provvidenziale per genitori che si rifiutano di tirare  fuori iPad e telefonini per incollare i figli alle sedie.

Il menù lo abbiamo solo sbirciato perchè puntavamo dritti alla pentolaccia. Anche se abbiamo ceduto ( e perfortuna! Mi viene da dire) al consiglio della sorridente Capo Sala Angela cioè di iniziare con un antipastino di  insalata di mare e  di polipo. Entrambi leggeri, variopinti,  preparati con verdurine fresche e una patata di un giallo cangiante che faceva allegria: PROMOSSISSIMI!

Poi è arrivato  il Gran Tegame, e c’è stato da fare spazio al centro del tavolo. A questo punto i gastronauti più faziosi potrebbero obiettare che l’originale Pentolaccia alla marchigiana prevede solo molluschi e crostacei senza la presenza di pasta. Ma io vi assicuro che la  calamarata bella al dente immersa in un sughetto abbondante ( né troppo tirato né  troppo brodoso)  dove si tuffavano tantissime varietà di pescato, possiamo chiamarla come ci pare, ma confermo che era M A G N I F I C A! 18 euro euro spesi benissimo!

Naturalmente il godimento del piatto è massimo solo se nel mangiarlo non ci si fa problemí di Bon Ton. Prendere cozze e raguse con le mani è obbligatorio, ciucciare chele, teste di gamberi, carapaci di granseole e scampi è vivamente consigliato e finire con una trionfale quanto sfrontata  e fiera scarpetta ( con tanto di leccata di cucchiaio) è l’apoteosi . E né noi grandi né tanto meno i bimbi ci siamo sottratti all’ esaltante rituale.

Alla fine del  pranzo ho scambiato due chiacchiere con  Antonio, il cuoco di origini brindisine ma trapiantato a Porto Recanati da una vita, autore del piatto. Della sua ricetta ( che anche lui preferisce chiamare Padellaccia Mediterranea) ho carpito qualche piccolo “segreto”. Per esempio che Antonio fa il sughetto non solo con la passata ma frullando un mix di pomodorinipatate (per dare un po’ di amido) , e fumetto di pesce. Che fa  un olio aromatizzato all’aglio così la spinta non resta violenta ( apprezzabilissimo!). E che La varietà di pescato dipende sempre da quello che si trova al  mercato di Porto Recanati o direttamente dalle barchette dei pescatori . E che per Lui c’è solo una regola imprerescindibile per la riuscita di  qualsiasi piatto (soprattutto di pesce): la cucina deve essere espressa! E come dargli torto?

Se volete assaggiare La Pentolaccia del Camping Pineta, ecco come fare…

Il Campeggio del Camping Pineta come tutte le stagioni chiude i primi di Ottobre, ma il Ristorante La Pineta rimarrà aperto tutti i week end fino a Natale. Vi consiglio assolutamente di non interrompere la piccola catena iniziata in Liguria e, dopo aver letto il mio articolo, andare subito a provare la mitica pentolaccia ( o chiamatela come vi pare ) di Antonio! E poi passate parola…

Per quanto riguarda me, lo chef mi ha lanciato la sfida : “Torna e assaggia il vero brodetto alla portorecanatese con sugo rosato, un pizzico di aceto e la zafferanella,  che ho imparato a fare dopo infinite chiacchierate con le vecchiette del posto!” E io mi posso tirare indietro???

 Ristorante La Pineta – presso Camping Pineta Viale della Repubblica, 3 – Porto Recanati (MC) Tel. 3773485183

Leggi l’articolo su fragustoepassione.it